Risultati nell'archivio di nichivendola.it per: Aprile 2011
29 Aprile 2011, 11:45

"Vinciamo a Napoli"

Vi proponiamo una intervista di Nichi, pubblicata da Il Mattino, a cura di Adolfo Pappalardo. Nell'intervista Nichi affronta i temi della politica estera e dei rapporti fra l'Italia, l'Europa e il Mediterraneo, e le imminenti elezioni amministrative che coinvolgeranno anche il Comune di Napoli.

Leggi l'intervista

29 Aprile 2011, 11:45

"Vinciamo a Napoli"

Vi proponiamo una intervista di Nichi, pubblicata da Il Mattino, a cura di Adolfo Pappalardo. Nell'intervista Nichi affronta i temi della politica estera e dei rapporti fra l'Italia, l'Europa e il Mediterraneo, e le imminenti elezioni amministrative che coinvolgeranno anche il Comune di Napoli.

Leggi l'intervista

27 Aprile 2011, 12:38

Sinistra divisa...

Intervista a Nichi a Il Fatto Quotidiano di oggi, a cura di Fabrizio D'Esposito. 'Serve un nuovo centrosinistra, il Pd rischia di aspettare Godot - dice Nichi - Berlusconi è minoranza nel paese, una minoranza rancorosa, da mandare all'opposizione al più presto'.
Leggi l'articolo


27 Aprile 2011, 12:38

Sinistra divisa...

Intervista a Nichi a Il Fatto Quotidiano di oggi, a cura di Fabrizio D'Esposito. 'Serve un nuovo centrosinistra, il Pd rischia di aspettare Godot - dice Nichi - Berlusconi è minoranza nel paese, una minoranza rancorosa, da mandare all'opposizione al più presto'.
Leggi l'articolo


26 Aprile 2011, 15:49

La parola alle bombe

Ora potremo finalmente dire che il nostro Paese, nel giro di pochi mesi, ha davvero recitato tutte le parti in commedia nelle relazioni con la Libia di Gheddafi. Dal celebre baciamano col rais di Tripoli fino all’odierna sciagurata decisione di bombardare, passando attraverso una fitta rete di affari e scambi economici e attraverso l’affidamento al dittatore libico del ruolo di contenimento spesso brutale di folle di migranti africani.
Oggi la parola torna alle bombe, come a significare nella forma più radicale quanto povero sia il tavolo da lavoro della politica e della diplomazia. L’Italia, che conquistò la Libia e la sottomise al giogo del colonialismo, torna in quelle terre nel modo più sbagliato, come forza belligerante.
L’escalation militare nel pieno tumulto democratico che scuote l’intero Mediterraneo, può avere effetti collaterali di assoluta gravità, come quello di compromettere il profilo laico di una rivoluzione non inquinata dall’islamismo fondamentalista e non segnata dall’egemonia di ideologie anti-occidentali. La guerra è sempre una sconfitta: la dichiareremo anche alla Siria?
Il passaggio dell’Italia dall’amore per Gheddafi alla scelta di bombardarlo è significativa di una Nazione allo sbando, in una Europa le cui classi dirigenti appaiono del tutto inadeguate ad affrontare le sfide del presente e del futuro.
Precedenti

Sostienici con una donazione

Dona

Iscriviti alla newsletter

Contatti

SEL

via Arenula, 29
00186 Roma
TEL. +39 06 44700403
FAX. +39 06 4455832
selnazionale@sxmail.it

Email

Redazione
redazione@nichivendola.it

Link

Sinistra Ecologia Libertà
www.sinistraecologialiberta.it