Risultati nell'archivio di nichivendola.it per: Novembre 2012
29 Novembre 2012, 22:37

Ilva: 2 condizioni indispensabili

Questo pomeriggio a Palazzo Chigi ho avuto un lungo confronto sulla questione Ilva con il Presidente del Consiglio Mario Monti e i Ministri Clini, Passera, Balduzzi e Fornero. La Regione Puglia vedrebbe con grande preoccupazione un intervento legislativo urgente che si dovesse limitare esclusivamente a riproporre e a cristallizzare l’Aia, l’Autorizzazione integrata ambientale. Saremmo invece disponibili a valutare, con favore, un intervento legislativo che contenga però due condizioni indispensabili. La prima, tutti gli interventi di risanamento ambientale previsti dall’Aia dovranno essere accompagnati, entro 60 giorni, da una valutazione del loro impatto sanitario e che questa valutazione venga fatta dai tecnici di Ispra, Arpa e Asl. La seconda, la deroga immediata ai limiti imposti dal piano di rientro sanitario per Taranto.
29 Novembre 2012, 11:03

Intervista all'Unità

Vi proponiamo un'intervista di Nichi, pubblicata oggi su l'Unità. 

Nichi parla di ILVA, dei tanti interventi della Regione Puglia, lasciata sola in questi anni a cercare di scoperchiare le verità scomode sulla fabbrica e sui danni alla salute. Si affrontano anche i temi della politica nazionale, delle primarie e del futuro della sinistra italiana.

Ecco il testo: 

In questa "giornata terribile per la Puglia",  in cui sull'Ilva si è accanita persino una tromba d'aria, Nichi Vendola fatica a distogliere l'attenzione dalle vicende di Taranto, a partire dall'operaio ancora dispero: "I danni dell'inquinamento, quelli del surriscaldamento del clima: tutto intorno a noi ci dice di come la crisi ambientale abbia ormai assunto un carattere strutturale che impone una riconversione dell'agire politico, squarciando l'agenda delle pigrizie culturali.
 

Lei però resta molto freddo sul decreto che oggi il governo varerà sull'Ilva...
Non sono d'accordo con qualcosa che possa confliggere con l'attività giudiziaria. Aspetto di vedere il testo. Noi pensiamo che il cuore di una iniziativa positiva stia nella accelerazione della valutazione di danno sanitario. Noi abbiamo introdotto questo parametro rivoluzionario per legge, che prevede che l'industria pesante non debba solo rispettare i limiti delle emissioni, ma dimostrare di non pregiudicare la salute e, in caso di danno, adottare interventi correttivi. Nell'Autorizzazione integrata ambientale questa indicazione è stata accolta, ora si tratta di renderla operativa. E' possibile in tempi rapidi avere una fotografia del danno sanitario e una indicazione chiara sugli interventi da fare per interrompere la catena di reati. Se questo percorso venisse completato in modo efficace, credo che ci potrebbe essere anche una rivalutazione dei provvedimenti giudiziari.

E' possibile ipotizzare una nazionalizzazione dell'Ilva?
Bisogna discutere laicamente di questa ipotesi, del resto anche Hollande ha ipotizzato la nazionalizzazione di una grande acciaieria francese. Dal governo mi aspetto una proposta chiara, che non appaia né come un de profundis per una fabbrica che invece va salvata, e neppure come uno scaricabarile: per anni come Regione siamo stati lasciati soli a scoperchiare una realtà come l'Ilva che per decenni era stata coperta da omertà anche istituzionali. E oggi ricevere l'accusa di inerzia  per me è davvero paradossale.

Veniamo alle primarie. Per chi voterà al ballottaggio?
Voterò Bersani, e lo farò perché è una persona perbene, uno dei rari leader politici non affetti da cinismo, un amministratore di talento e soprattutto un uomo di sinistra. Un socialista europeo figlio della migliore tradizione del riformismo italiano.

In cosa consiste quel "profumo di sinistra" che lei dice di aver annusato ascoltando Bersani?
Non c'è dubbio che il lessico e la sensibilità di Bersani sono lontani anni luce dal post-modernismo di ispirazione liberista di Renzi. A Pier Luigi voglio dire che il mio voto l'ha conquistato, ma deve fare lo steso con quello dei miei elettori. E per farlo non basta il mio sostegno.

Cosa dovrebbe fare?
Deve andare oltre il profumo, fare scelte forti e in controtendenza rispetto al pensiero dominante. Faccio un esempio: davanti al premier Monti che evoca la fine del servizio sanitario nazionale servono parole molto più chiare. Così sulla difesa della scuola pubblica e sulle spese militari. Ci sono orecchie attente, soprattutto tra i più giovani. Ora Bersani può e deve accendere una speranza nel Paese.

Renzi sostiene che una quota dei suoi voti siano anti-apparato, contro l'establishment del Pd. E quindi recuperabili proprio dal sindaco rottamatore...
Non c'è dubbio che dopo la fine del berlusconismo non si è messa a fuoco la crisi di quel modello sociale liberal-populista, ma tutta la politica è stata messa sul banco degli imputati senza distinzioni. Questo ha consentito di occultare le ragioni della crisi, a partire proprio dalla subalternità della politica ai poteri finanziari e dalla sua distanza dal mondo del lavoro.

E questa la critica più dura che lei fa a Renzi: non aver rotto questo modello liberista?
Da rottamare è questo modello sociale che ci ha privato di una dimensione comunitaria e solidale e rende sempre più anoressico lo Stato sociale. In Renzi non c'è alcun cenno critico verso l'austerity e la cultura liberista, nessuna eco rispetto all'America che chiede il recupero di un approccio keynesiano.

Se dovesse vincere il sindaco lei resterebbe nella coalizione?
Io lavorerò perché vinca Bersani, questa per me è la priorità e non discuto neppure della subordinata.

Torniamo ai suoi elettori: sono o no rottamatori?
I miei elettori sono in primo luogo sensibili a quel profumo di sinistra....


Eppure Renzi come lei dice no ad una alleanza con  Casini...
E' solo un giochino. Sul mercato del lavoro il sindaco è più a destra dell'Udc, sulla riforma delle pensioni la pensano allo stesso modo. Devo però ammettere che sul piano della tattica è molto bravo a depistare. Ma a me pare che, sui contenuti, il sindaco sia più in sintonia con la Merkel che con Hollande. Un'altra buona ragione per scegliere Bersani.

Che ruolo immagina per se in un eventuale governo di centrosinistra?
Non sono capace di ragionare di politica a partire dalla mia carriera. Ho sempre scelto insieme ai miei compagni, farò lo stesso questa volta.

Lei sarà candidato alle elezioni alla guida delle liste di Sel?
Una domanda prematura, per me l'obiettivo è costruire il partito del futuro, il soggetto capace di raccogliere le energie dei popoli di sinistra, di ricostruire la coalizione del lavoro e dei diritti.

Vuol dire che pensa a una lista comune con il Pd?
Non intendo ridurre il tema della sinistra del futuro a una questione organizzativa.

Dalla vicenda Ilva che messaggio arriva al centrosinistra?
Che lo Stato non può più abdicare ai doveri di orientare la politica industriale, come ha fatto in questi anni. Non c'è stato un investimento serio sui processi di innovazione tecnologica e ambientale. Quando parlo di profumo di sinistra mi riferisco anche a questo: all'idea di un nuovo modello sociale che metta al centro il lavoro stabile e sicuro dal punto di vista della salute. E' su questi temi che con Bersani spero di riuscire a fare molti passi in avanti.

28 Novembre 2012, 14:18

A Benny

35 anni fa veniva ucciso Benedetto Petrone. E' fondamentale per il nostro futuro avere sempre un rapporto forte con il passato. Non dimenticare, non cancellare, poter raccontare come è stato faticoso il cammino che abbiamo compiuto sin qui e poter ricordare la vita splendida di Benedetto, i vent’anni innaffiati di passioni buone, belle, come la giustizia, l’eguaglianza, la fraternità. Era un nostro coetaneo Benedetto e in questo giorno, il 28 novembre, ogni anno abbiamo bisogno di tornare qui. Non è una cerimonia retorica. Venire qui oggi significa tornare e rinnovare l’impegno per questo quartiere, per questa città, per questo mondo. Significa provare ad essere come era Benedetto fino in fondo dentro il suo territorio, ma senza mai dimenticare che il nostro territorio è il mappamondo intero. Il comunismo di Benedetto Petrone significava la lotta perché Bari vecchia non venisse colonizzata, perché nei quartieri più poveri potesse cominciare un processo di risanamento, di riqualificazione urbana, perché i giovani non fossero dei vuoti a perdere. Insomma vedere con gli occhi di Benedetto il mondo di oggi forse può significare provare anche una stretta al cuore perchè si sono fatti molti passi indietro e tuttavia abbiamo bisogno proprio degli occhi di Benedetto per fare molti passi in avanti.
28 Novembre 2012, 13:26

Allerta e apprensione

Seguiamo con grande apprensione lo sviluppo degli eventi calamitosi che hanno colpito nelle ultime ore la città di Taranto, nelle aree del siderurgico e del porto.
Abbiamo prontamente allertato tutte le strutture della Protezione Civile, la rete ospedaliera, i mezzi di emergenza e di pronto intervento per garantire la massima tempestività in tutte le operazioni di soccorso. Gli Assessori alla Protezione Civile e alle Politiche della Salute, Amati e Attolini, si sono immediatamente recati a Taranto. Io sono in continuo contatto con la Prefettura e con tutte le autorità competenti: attendiamo con ansia notizie relative a persone eventualmente disperse o ferite.
28 Novembre 2012, 10:42

Ilva, mai girato la testa dall'altra parte

Vi proponiamo una intervista di Nichi, pubblicata oggi da Repubblica, a firma di Lello Parise.

L'intervista affronta le problematiche dell'Ilva di Taranto e il dramma delle famiglie che rischiano di restare senza lavoro e con i veleni a inquinare la città.

Leggi l'intervista

Precedenti

Sostienici con una donazione

Dona

Iscriviti alla newsletter

Contatti

SEL

via Arenula, 29
00186 Roma
TEL. +39 06 44700403
FAX. +39 06 4455832
selnazionale@sxmail.it

Email

Redazione
redazione@nichivendola.it

Link

Sinistra Ecologia Libertà
www.sinistraecologialiberta.it