Risultati nell'archivio di nichivendola.it per: Agosto 2014
24 Agosto 2014, 18:31

Una tragedia infinita

Una nuova tragedia nel mare, al largo della Libia con un bilancio ancora parziale di 20 morti e 170 dispersi. Un vero e proprio girone infernale, dove sparisce ogni profilo di umanità, che coinvolge uomini, donne, bambini.
La politica non può più continuare a chiudere gli occhi, le orecchie, le bocche davanti ad una continua strage di queste proporzioni. La frequenza di naufragi, morte e dolore non deve, non può, assuefarci alla carneficina del terzo millennio.
07 Agosto 2014, 13:58

Ottimismo inconsistente!

'Sono ammirato per l'ottimismo di Renzi. Sono disperato per quanto infondato e inconsistente sia, non siamo più soltanto noi illusi estremisti a urlare che l'austerity uccide. Sono ormai gli economisti di mezzo mondo. Il disagio sociale, quando diventa la colonna sonora dello schianto del ceto medio, può diventare un pericolo per la democrazia'.
Così Nichi nell'intervista a Repubblica di oggi.
Leggi l'articolo

06 Agosto 2014, 17:05

Liberiamoci dall'austerity!

All'inizio era la crisi economica mondiale che attraversava come uno tsunami diverse parti d'Europa, e contro questa crisi tutti i governi europei ed italiani, a cominciare da quello Berlusconi, e quelli delle larghe intese, hanno reagito mettendo in campo le ricette dell'austerity: siccome c'è la crisi non possiamo finanziare come un tempo il sistema di welfare, non ci possiamo più permettere il lusso di far vivere determinati diritti sociali. Si è prodotto un generale impoverimento, soprattutto di alcune fasce della popolazione: il ceto medio, gli anziani, i giovani che vivono nella deriva della precarietà.
Questo impoverimento, che avrebbe dovuto essere la cura necessaria per guarire l'ammalato, si è dimostrato la medicina che uccide l'ammalato. Non si puo' far crescere l'economia togliendo reddito. Non si puo' restituire una speranza di crescita e di occupazione se non si fanno delle politiche espansive, delle politiche specifiche per dare lavoro.
In più, i comuni e le regioni, sottoposte alle angherie del Patto di Stabilità, sono in una condizione di soffocamento, hanno i soldi e non li possono usare per dare lavoro. E' la povertà che produce la povertà.
E la povertà non è una buona ricetta per combattere il debito pubblico, che in Italia aumenta.
Allora, il Pil crolla, il debito aumenta, siamo di nuovo in area recessione: forse qualcuno dovrebbe dire a coloro che comandano a Roma e a Bruxelles che è giunto veramente il momento di cambiare verso.
Cambiare verso significa liberarsi dalle politiche dell'austerity, dare ossigeno  e non mettere in apnea gli italiani.

Sostienici con una donazione

Dona

Iscriviti alla newsletter

Contatti

SEL

via Arenula, 29
00186 Roma
TEL. +39 06 44700403
FAX. +39 06 4455832
selnazionale@sxmail.it

Email

Redazione
redazione@nichivendola.it

Link

Sinistra Ecologia Libertà
www.sinistraecologialiberta.it